L’onomatopeica a Djembe-Ta

L’ONOMATOPEICA DI DJEMBE-TA : SUONI E SILLABE

Alla base del mio metodo di insegnamento delle percussioni (mandeng) metto l’uso della voce. Il solfeggio ritmico permette non solo di memorizzare meglio e quindi di supportare la costruzione del linguaggio, comprendere più velocemente gli accenti e le cadenze e la ritmica delle frasi; il valore aggiunto lo si trova lavorando con i bambini e con coloro che non hanno mai incontrato le percussioni o la musica in generale.

La vocale ci dice il colore del suono, la consonante è da scegliere in base alla velocità di esecuzione (es. consonanti labiali per le frasi più lente).

PA (PI) = Suono acuto /Djembe, Kenkeni, Krin

PRA = Flam di suoni acuti

PE = suono medio /Sangban, Djembe, Krin

PRE = Flam di suoni medi

CU = suono grave / Dundun, Djembe

CIA = Suono stoppato / Tutti, Djabara

SA = Suono stoppato a basso volume / Tutti

La sillaba ci dice anche la posizione corrispondente sul tamburo.

 DJEMBE :

Centro = CU

Bordi = PE, PA, CIA o SA (pelle stoppata al centro con una mano)

SANG BAN : Centro = PE (PA)

Bordi (pelle stoppata) = CIA o SA

DUNDUN : Centro = CU

Bordi (pelle stoppata) = CIA o SA

KENKENI : Centro = PI (PA)

Bordi (pelle stoppata) = CIA o SA

KRIN : Centro Lungo = PE

Centro Corto = PA

Bordi = CIA o SA

L’orologio analogico per le posizioni (ore/minuti) dei suoni sul bordo dei tamburi (per Sangban, Dundun e Kenkeni se li si suona verticali con due bastoni): Djembe, Dundun, Sangban, Kenkeni

DJEMBE :

Bordi = ore 5,35

SANG BAN, DUNDUN, KENKENI :

Bordi = ore 11,05 (bastoni all’unisono – normalità, non regola)

Annunci

Djembe-Ta : Percussioni africane a scuola TUTORIAL

Nei tanti momenti in cui mi trovo a guidare guidare e guidare su chilometri di strade spesso anche poco affascinanti alla vista, mi sono immaginato di provare a rileggere il mio metodo di insegnamento delle percussioni africane a scuola, provando a tradurlo in un metodo facilmente riproponibile in classe, anche senza avere basi musicali e cercando di valorizzarne i momenti che possono avere una doppia lettura (sia musicale che legata alla psicomotricità, al lavoro sulle sillabe, al lavoro sui suoni dolci e suoni duri della lingua piuttosto che alla memoria o addirittura al coding e alle strisce di programmazione..).

In questa pagina proverò a proporvi i vari collegamenti a diversi video (e riflessioni varie) per cercare di darvi uno sguardo generale sul punto di partenza: le percussioni (e più in generale la cultura) dell’Africa dell’Ovest.

Nel particolare vi proporrò di sviluppare un ritmo che nasce al confine tra Guinea e Mali, dell’etnia Malinké, che negli anni ho trovato estremamente funzionale al primo approccio con i bambini, per capire gli obiettivi, soprattutto in termini di esecuzione, da porre al percorso.

Dopo i primi video introduttivi, proverò a costruire una sorta di video guida o meglio di auto video guida (nel senso che sarò in macchina) in cui piano piano andremo a costruire un “arrangiamento” che prevederà ritmo e canzone di “Balakulandjan” (il ritmo di cui parlavo più sopra) con un’introduzione dei momenti intermedi e una chiusura.

Clicca qui per approfondire il metodo
Clicca qui per guardare un momento di ripasso per le vecanze e uno spettacolo di fine laboratorio

Clicca qui per approfondire la mia proposta laboratoriale 

Clicca qui per conoscere gli strumenti musicali
Clicca qui per conoscere il mio maestro bambino Petit Mohamed
Clicca qui per vedere dive andremo nel nostro viaggio
Clicca qui per vedere un eccezionale documentario sulla ritmo, sempre nel luogo del nostro viaggio
Che dire… BUON VIAGGIO !!!

Clicca per andare ai tutorial